Dopo Berlino è la seconda città più grande della Germania.

Il suo porto è fra i più importanti di Europa. 

Ha un' economia che si vanta del reddito procapite più alto della Germania.

Amburgo dove regna la stampa tedesca.

Pare sia fra le mete più gettonate d’ Europa come destinazione per i giovani in cerca di divertimenti.
La seconda città di Germania come popolazione e la prima come reddito procapite.
Commercio, turismo, informazione e cultura sono i cardini di Amburgo.

Da turista curioso, dopo averla girata per qualche giorno, posso dire che non mi ha lasciato grandi ricordi.

Va bene che arrivavo da una settimana di esplorazione a Berlino con un cielo a dire poco favoloso, cosa che ad Amburgo credo nemmeno esista, ma l’ impressione è stata quella di una città “mordi e fuggi”.

Di storico ha ben poco visto che è stata quasi completamente ricostruita dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale ma i cantieri sono ovunque tanto è che le poche perle che un turista vorrebbe fotografare restano velate da impalcature e teli di plastica.

Si, ad Amburgo le ristrutturazioni edilizie sono ovunque. Questo ve lo ricorderete.

Ma voglio anche trasmettervi qualche nota positiva impressa durante il mio soggiorno. Festival di musica folk, chioschi di street food, artisti di strada strepitosi e gite in battello. Questi sono i MUST di Amburgo…sia chiaro, sempre meteo permettendo.

Ho messo e tolto più volte il giubbino io in una settimana che Kate Moss in una intera stagione di moda.

Da alcuni amici mi era stata descritta come la Amsterdam di Germania ma credo che a parte il grande traffico navale e qualche casa in mattoni rossi e tetto spiovente non ci sia niente di simile.
Ah si ecco, dimenticavo…il quartiere a luci rosse, Herbertstraße il nome. Anche qui una brutta copia di quello famoso olandese…una via di accaldate signorine sedute in vetrina e con una irrefrenabile voglia di…parlare.

Se è vero che è la città con il reddito procapite maggiore credo anche che ad alzare la media di questa voce siano pochi ricconi. Grandissimo il divario fra classi sociali tant’è che non è difficile vedere sfrecciare Porsche e Ferrari a fianco di giardini popolati da senzatetto.

Molti ad Amburgo. Troppi. Non so se evidenti fuori misura ai miei occhi o percezione del fatto che siano veramente tanti.

Da visitare di giorno ma di notte non mi è apparsa la città più accogliente e sicura del pianeta, specialmente per una ragazza. Logicamente è una mia prima impressione, non ho dati alla mano e fortunatamente non ho avuto modo di assistere a nessuna situazione da arancia meccanica

In conclusione? Mah!
Spero la mia settimana trascorsa ad Amburgo (Hamburg in tedesco) non faccia testo quindi mi sono promesso di ritornarci.

Unica cosa certa…il meteo. Pazzo.
Ricordatevi che se c’è il sole potrebbe piovere nel giro di qualche ora, se c’è nuvolo potrebbe piovere a breve, se piove….potrebbe piovere più forte.


CONSIGLI

APP da scaricare : HAMBURG

[Da scaricare sul vostro smartphone per sapere sempre cosa vedere ad Amburgo]

Dove dormire : InstantsleepHostel

[Spartano ma pulito ma soprattutto posizionato in una zona giovane e viva]

Dove mangiare : Alex

[Menù che accontenta tutti, prezzi nella media e posizione strategia. Se il meteo lo permette molto carina la cena nella balconata esterna]

Cosa non perdere : Il panino con l'aringa al porto

[La promenade lungo al porto piena di chioschetti che vendono ogni tipo di prelibatezza]

Cosa puoi evitare : red light district Herbertstraße

[Una brutta copia del red light district di Amsterdam. Luogo sopravvalutato e turisticamente inflazionato.]


€24 : Quanto ho speso in media per dormire

Sono rimasto nello stesso ostello per 6 giorni e il prezzo indica puramente il costo letto.

€15,7 : Quanto ho speso in media per mangiare

Questa la spesa media per 6 giorni completi che includono colazione, pranzo, merenda e cena (in 6 giorni sono uscito al Ristorante solamente per 2 cene quindi tutti gli altri pasti era preparati da me e consumati in ostello dopo spesa al supermercato)

Spread the love

Lascia un commento